L’addestramento visto dalla parte del cane: i principi dell’apprendimento, il rapporto con noi, costruire risultati con il Sistema Basato sulla Comunicazione, le diverse discipline ( Obedience, Utilità e Difesa, Free-Style, Ricerca di Superficie).
comunicazione cane uomo

La mia prima esperienza con il mondo dell’addestramento è stata sentirmi dire “senza un collare a strangolo non puoi addestrare il cane”. Pochi anni dopo ho deciso di seguire la mia strada, e ho iniziato a promuovere corsi basati sul Metodo Gentile. Negli anni la definizione è stata adottata (e abusata) un po’ da tutti, ma il motivo per cui ho scelto di cambiarla è un altro, più profondo e importante.

 

pastore belga seduto malin L’addestramento visto con gli occhi del cane.
Cosa vuol dire addestrare un cane?
Nel sistema basato sulla comunicazione, l’addestramento prevede diverse fasi:
1. grazie alle informazioni ricevute dal conduttore, il cane impara a ripetere un certo comportamento, associandolo a una conseguenza positiva (rinforzo).
2. il comportamento viene associato a un segnale (condizionamento)
3. il cane impara a discriminare e generalizzare il comportamento e il segnale.

 

pastore tedesco pista Un anno fa mi hanno chiesto di fare da interprete per un seminario sul lavoro olfattivo: ricerca di superficie e discriminazione olfattiva. Negli anni passati ho lavorato spesso per campi e associazioni che si occupano di ricerca di dispersi, su superficie, su macerie e persino in acqua, e mi ero anche impegnata diverse volte con i miei cani, ma senza mai dedicarmi realmente a questa attività. Dopo il seminario ho voluto sperimentare sui nostri cani l’efficacia della nostra filosofia di lavoro nella ricerca. Questo è un piccolo resoconto dell’esperienza.

 

segnali stress lavoro
Utilità e difesa, Agility, Obedience, Freestyle... Addestrare i cani è divertente. O, almeno, gratificante. In realtà, qualunque sia la disciplina cinofila che vi appassiona, l’addestramento prevede alti e bassi per tutti. Cani compresi.
Uno degli aspetti che io trovo più sorprendenti è che ben pochi si chiedono come il cane vive l’esperienza dell’addestramento. Si da per scontato che al cane piaccia, che si diverta, che gli faccia bene. Se anche non dovesse piacergli... un cane non può scegliere.