Il comportamento del cane e il suo rapporto con noi, spiegati in articoli basati sui più recenti studi scientifici, all’esperienza diretta con cani di tutte le razze nell’educazione, la riabilitazione, la ricerca scientifica.

guardare il cane negli occhi


Diversi anni fa, durante un seminario, un giovane (grosso) maschio di Leonberger è sdraiato e mi fissa. Ha la pupilla dilatata, è teso, preoccupato. Lo guardo. La reazione diventa più intensa, ma non distolgo lo sguardo.
La proprietaria afferra il guinzaglio e mi fissa, incapace di capire quello che sto facendo. Perché non distogli lo sguardo? Mi chiede.
Già, perché non interrompo il contatto visivo, come fanno tutti? Chiunque si trovi davanti un cane impaurito o minaccioso evita di guardare. Io no. Io guardo il cane.

 


(e condizionamento non è una brutta parola)
Un tempo si chiamava addestramento. Si andava in un campo a addestrare il proprio cane all’obbedienza di base: seduto, terra, condotta al guinzaglio, resta, richiamo. Tutti i cani erano uguali, uguali tutti i proprietari. Stessi obiettivi, stesso metodo per tutti.
Il miglior risultato era una infelice rassegnazione del cane a eseguire gli esercizi più o meno a comando, almeno dove non aveva scampo. Sì, perché non si contavano i cani e gli umani che non vedevano l’ora di uscire da lì e tornare a una vita normale.

 


E’ dal 2007 che organizzo ogni settimana incontri di socializzazione per i cani. In queste classi di socializzazione i cani incontrano altri cani in uno spazio recintato.
L’obiettivo di questi incontri è sviluppare le competenze sociali dei cani, prevenire i problemi e aiutare i cani che manifestano difficoltà  nell’interazione con altri cani.

 

adozione cane canile


Ricordo due momenti in cui ho pensato “questo cane è invisibile”.
Il primo è stato quando abbiamo valutato Granada, una cagnona nera ospite in un canile.

 

comunicare con il cane


L’empatia viene definita come la capacità di mettersi in relazione con le emozioni e le esperienze di un altro. Studi recenti hanno dimostrato le basi psicobiologiche dell’empatia, nel meccanismo dei neuroni specchio. La capacità di empatia si basa su una serie di meccanismi di risonanza interna, che permettono di ripetere mentalmente gli aspetti emozionali, percettivi e motori di un individuo che viene osservato.

 

recupero pitbull


Un allevatore di pit bull si presenta, si siede davanti a me, e afferma “Chi dichiara di poter recuperare un pit bull ex- combattente racconta balle. E’ impossibile recuperarli”.
Più o meno la stessa argomentazione l’ho sentita a Budapest, al Canine Science Forum, dopo la mia presentazione sul progetto (”Quei cani sarebbero tutti da uccidere”).